Progetti

CORPILIBERI

Corpi Liberi è un progetto finanziato nell’ambito dell’avviso pubblico

 “BELLEZZA E LEGALITÀ PER UNA PUGLIA LIBERA DALLE MAFIE”

P.O. PUGLIA FESR – FSE 2014-2020 – OT IX – Promuovere l’inclusione sociale, la lotta alla povertà e ogni forma di discriminazione Azione 9.6 – “Interventi per il rafforzamento delle imprese sociali” (FSE) Sub-Azione 9.6.b “Attività di animazione sociale e partecipazione collettiva di ricostruzione della identità dei luoghi e delle comunità, connessi al recupero funzionale e al riuso dei vecchi immobili, compresi i beni confiscati alle mafie”

Corpi Liberi nasce dalla convinzione che l’arte debba spingere la comunità giovanile alla riflessione su tematiche quali la cittadinanza attiva e l’educazione alla legalità supportando la scuola. Il progetto è rivolto agli studenti dell’Istituto Comprensivo Falcone-Borsellino di Bari e ai minori segnalati dai servizi sociali del Municipio 2 del Comune di Bari. I ragazzi daranno vita a un Festival della Legalità con momenti performativi realizzati con l’aiuto degli esperti esterni.

Il progetto nasce per contrastare la dispersione scolastica, valorizzare il ruolo della scuola per prevenire il disagio giovanile e la fascinazione dei clan, rilanciare la periferia in termini sociali e culturali.

Non può esserci legalità senza cultura. Questo perché la cultura precede e prepara, in certo senso, ciò che la legalità infine convalida e sancisce. La cultura esprime giustizia.

La cultura della legalità riconosce autorità alla legge e impegna la collettività disposta ad agire in conformità di legge. Ma la legge spesso lascia irrisolte o non ha ancora previsto la risoluzione di situazioni nuove, determinate dal passo della storia e dalle trasformazioni sociali.

Alcuni progetti culturali di innovazione sociale, si sforzano di colmare questo vuoto, il vuoto cioè che drammaticamente si apre quando la legalità non basta da sola a regolare in termini di valori umani la vita di una collettività.

In linea con gli indirizzi regionali Corpi Liberi cerca di utilizzare i linguaggi artistici come strumenti per la sensibilizzazione e la crescita morale della comunità giovanile, partendo dall’istituto scolastico, principale punto di riferimento nel percorso individuale del cittadino.

L'Abecedario delle emozioni

è un “Progetto realizzato con il contributo della Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia”

Il progetto L’Abecedario delle Emozioni consiste nello sperimentare l’utilizzo delle attività ludico-ricreative e del linguaggio espressivo artistico per lo sviluppo e la valorizzazione delle risorse dei minori nel nuovo scenario post emergenza. L’idea consiste nel promuovere attività laboratoriali, avvalendosi dei canali favoriti dalla popolazione giovanile quali la musica, il teatro, le arti visive, etc. per esprimere e adoperarli come strumenti di scambio e di trasmissione di know-how e per il recupero della socialità post emergenza Covid 19.

WhatsApp chat